10 miti sul sesso

Antonio 0

10 miti sul sesso

Miti che ostacolano la creazione di una relazione armoniosa che porta gioia e soddisfazione sia agli uomini che alle donne.

Nella società di oggi, la dinamica della relazione uomo-donna è la più dannosa. Gli uomini credono che non sia la cosa principale e che la natura abbia già dato tutto ciò di cui ha bisogno. Le donne, non ricevendo il giusto nutrimento emotivo da una relazione, corrono agli estremi. Dall’ignorare completamente i bisogni del loro corpo, alla ricerca maniacale di un partner più interessante. La verità è che le relazioni dovrebbero essere facili e oneste.

L’amore dura per sempre

Dopo una media di 1,5 anni, l’onda di endorfine si placa. Studi sul cervello che utilizzano le ultime tecnologie di neuroimaging dimostrano che le regioni cerebrali responsabili del pensiero critico sono inibite in una persona innamorata. Il che, come capite, non può durare a lungo, poiché minaccia la sopravvivenza della specie umana. Ma dura abbastanza a lungo perché le persone innamorate concepiscano e mettano al mondo un figlio.
E, poiché il compito principale dell’uomo come specie è compiuto – la natura spietatamente «toglie l’ago dell’endorfina». Nonostante l’era dell’alta tecnologia, il nostro corpo vive ancora degli istinti di antenati lontani. Ripensate all’inizio della vostra relazione. Com’è adesso? «Sì, allora era diverso» è la risposta di molti.

Un bacio alla francese dovrebbe essere lungo

Il bacio francese corretto è un bacio breve. È una fase che dura 2-3 secondi.
Come si sa, se si tira fuori la lingua per molto tempo, si comincia a secernere molta saliva. E non c’è niente di peggio che sbavare nella bocca del tuo partner. Ma è raro ammetterlo – «perché è stato mostrato in un film».

Per sentirsi un eroe che è durato 2-3 ore nel sesso, gli esperti raccomandano sildenafil 100

Il piacere primario di un uomo è concentrato nei suoi genitali

Gli uomini sono in grado di ottenere un grande piacere sessuale accarezzando altre parti del corpo non collegate ai loro genitali. Bisogna solo tener conto che la sensibilità del corpo maschile è molte volte inferiore a quella del corpo femminile. Ecco perché dovresti accarezzarlo un po’ di più di quanto una ragazza toccherebbe se stessa o un’altra ragazza.

E qui non stiamo parlando di «un aumento di luminosità del 5%». La padronanza delle tecniche distingue una donna dal resto nello stesso modo in cui il caffè istantaneo in ufficio è diverso dal Kopi Luwak.

Un buon amante/amante deve nascere

Tutti sono uno zero nel sesso, in primo luogo. Sì, alcuni sono più sensuali, altri meno. Ma tecnicamente, tutti zeri. Hai dei dubbi? Cercate di costruire una conversazione con il vostro partner fino al punto in cui sarete in grado di discutere insieme i momenti più intimi. E in questa comunicazione separare la componente emozionale dalla vivacità delle sensazioni fisiche. Vedrete voi stessi che gran parte del piacere reciproco è riempito sul lato emotivo. Ricorda il punto 1 – è molto probabile che vada via.

Non è mai troppo tardi per imparare a fare sesso di qualità. Non importa se hai 25 o 50 anni. Basta non imparare dai teorici. Perché la conoscenza teorica con cui un uomo e una donna si mettono a letto, a proposito del fatto che «il clitoride femminile ha 8 000 terminazioni nervose», «il punto G si trova a 3 cm dall’ingresso» e «in un orgasmo maschile si deve spremere il punto 1 000 000», non si ottiene altro che un mal di testa per entrambi.

L’importante è conoscersi!

La gente spende molto tempo, energia e denaro per conoscersi. Per gli uomini è estremamente difficile da questo punto di vista. Prepararsi e andare in un caffè (club/bar/parco – sottolineo) è un’unità di energia, fare conoscenza è un’altra unità di energia, prendere un numero di telefono (se sei fortunato) è un’altra unità di energia, chiamare è un’altra unità di energia. Se la ragazza dei tuoi sogni non si è incontrata questa volta, allora il giorno dopo o il venerdì successivo accadrà di nuovo. E questo può andare avanti per settimane e mesi.

E poi, dopo un po’, l’uomo incontra la sua «Angelina Jolie», succede il sesso. Il 90% delle volte, il modello è standard. E, stranamente, anche le ragazze hanno molto a cui paragonarlo. Allora non chiedetevi perché le relazioni non durano più di tre mesi.

E se sei divertente, di bell’aspetto, hai senso dell’umorismo, e fai saltare il tetto a letto come nessun altro – la tua «Angelina Jolie» non andrà da nessuna parte.

Lo stesso vale per le ragazze che non hanno una relazione personale.

Un orgasmo non è importante per lei.

Sì, è così. È solo che la storia del piacere femminile ha solo decenni.
Se chiedete a qualsiasi ragazza, il 90% ha avuto una storia simile: un ragazzo l’ha già portata fuori per due o tre appuntamenti, lei è eccitata dall’intimità. E quando sente «ops, scusa» cinque o sette minuti dopo ed è finita, è frustrata e pensa: «e io?».

Ma per la prima volta, il lato emotivo della relazione compensa il povero sesso. E allora la donna o sacrifica deliberatamente il suo piacere per il bene della relazione, o comincia a pensare di essere rotta. Entrambi sono estremi inutili che possono essere facilmente evitati.

Si può imparare il sesso dai film pornografici

Anche questo è un equivoco molto famoso. I film porno sono puro «intrattenimento», fatti da uomini e per uomini. Non puoi imparare da loro come fare sesso di qualità. Internet in generale è una completa profanazione della conoscenza sul tema del sesso.
E questa immagine sbagliata del sesso, dove un uomo accarezza una donna come un corrimano nella metropolitana e lei geme di piacere – viene trasferita alla vita reale. E nella vita reale, una donna può essere riscaldata solo da tali tocchi in una fredda sera d’inverno. E l’uomo trae la conclusione sbagliata: «Sono sfortunato, è frigida!».

Non c’è un punto G

Gli scienziati hanno recentemente dimostrato di nuovo che non esiste un punto G. C’è un punto G, non c’è un punto G. C’è vita su Marte, non c’è vita su Marte – la scienza non lo sa.

Come lo cercano gli scienziati? Provate a immaginare il processo di tale esplorazione scientifica su scala decente. Cosa provano le donne che partecipano a un tale studio? Certamente non l’eccitazione e la gioia di essere sulla sedia di uno specialista. E come risultato, uno scienziato che sa quante terminazioni nervose nel clitoride femminile e visto al microscopio, non può trovare il misterioso punto G!

Infatti, non è un punto, ma un’intera area. E trovarlo, se una donna non è eccitata, è impossibile per principio.

Zone erogene ufficiali

Sia gli uomini che le donne, oltre alle zone erogene «ufficiali», hanno zone sconosciute, anche non standard, la cui stimolazione provoca molte sensazioni piacevoli.

Inoltre, in vari momenti del sesso, aree completamente «non coinvolte» sulla pelle possono diventare potenti zone erogene per le donne, causando sensazioni di grande intensità, fino all’orgasmo. Per esempio, un orgasmo per aver accarezzato i tuoi seni, una zona della tua spalla o della tua schiena.

«Gliel’ho dato io».

Un altro malinteso molto comune. Se guardate il segno di un uomo e di una donna, non c’è nessun «l’ho dato a lui». L’uomo è il donatore.
Ma per qualche ragione siamo diventati così abituati a questo giro di parole che non notiamo più il suo messaggio sbagliato.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *